Informazioni generali pozzallo - Farmacia & Salute

Vai ai contenuti

Menu principale:

INFORMAZIONI UTILI > LA PROVINCIA DI RAGUSA > POZZALLO



Pozzallo dista 31 chilometri dalla città di Ragusa. Il suo territorio confina con quello di Modica e di Ispica e a sud il comune si affaccia sul Mar Mediterraneo. Unico Comune marittimo della Provincia di Ragusa ha un territorio molto limitato che si riconduce perlopiù al centro abitato. Pianeggiante lungo tutta la fascia costiera, presenta verso l'interno dislivelli morbidi in direzione delle colline di Modica. Gran parte del territorio è occupato dall'insediamento urbano, in direzione Ispica e Santa Maria del Focallo sono numerosi i terreni coltivati a vigneti ed oliveti. Pozzallo è un Comune a vocazione marittima, tuttavia sono numerose le piccole e medie Aziende operanti nel settore agricolo e nel settore industriale,presso l'Agglomerato industriale Modica-Pozzallo.
Da alcuni anni poi, una forte politica di rivalutazione del turismo, ha portato Pozzallo ai vertici nazionali per qualità delle acque, servizi, strutture e ricettività, sforzo riconosciuto anche dall'assegnazione della Bandiera Blu prestigioso riconoscimento della fee, ottenuto nel 2008 per il settimo anno consecutivo.

CENNI STORICI

Pozzallo, nel XV secolo " Puteus-alòs " cioè pozzo a mare, riferito ai molti pozzi d'acqua dolce, che in quei secoli abbondavano lungo la sua costa, ed ai quali attingevano i velieri di passaggio. Le sorgenti di "Pozzofeto" e della "Senia" erano in quei tempi tanto famose da essere segnalate sui portolani e sulle carte nautiche dell'epoca. La sua importanza storica comincia verso la fine del XIV secolo, con la costruzione da parte dei Chiaramonte, Conti di Modica, di un "Caricatore", un complesso di magazzini proprio sulla costa, e di pontili e scivoli per l'imbarco di merce sui velieri. Con il Caricatore Pozzallo diventa uno degli scali più attivi dell'isola, per la sua importanza fu considerato il secondo Caricatore della Sicilia.
A sua difesa agli inizi del XV secolo Alfonso V d'Aragona autorizzò la richiesta del conte Giovanni Bernardo Cabrera, di costruire una torre: "Torre di Cabrera" molto imponente e di grande importanza militare per l'avvistamento preventivo dei velieri pirata che in quel tempo miravano spesso ai magazzini del Caricatore, sempre colmi del grano della Contea di Modica,che da Pozzallo raggiungeva i più lontani porti del mediterraneo. Nella torre prestavano servizio soldati e artiglieri e sulle sue terrazze vi erano piazzati cannoni di diverso calibro mentre i cavalleggeri sorvegliavano la costa. Nelle vicinanze della Torre cominciò così a nascere il primo agglomerato urbano, costituito in un primo tempo da poche centinaia di persone fra soldati e pescatori, ma ben presto con l'incremento delle attività marittimo-commerciale arrivò a triplicarsi e a passare da borgata dipendente da Modica, a comune autonomo in data 12 giugno 1829, con decreto di Francesco I di Borbone, Re delle Due Sicilie.
Pozzallo ha dato i natali a Giorgio La Pira, uomo di cultura, di politica, statista, sociologo, precursore dei tempi, impegnato nel sociale, sindaco di Firenze, seguì fino alla morte una corsa spasmodica nell'attuazione di tutti i presupposti atti a stabilire e garantire la pace tra le nazioni, soprannominato "Il sindaco Santo".






 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu