Itinerari artistici e turistici - Farmacia & Salute

Vai ai contenuti

Menu principale:

INFORMAZIONI UTILI > LA PROVINCIA DI RAGUSA > POZZALLO

La città, escludendo la Torre dei conti di Cabrera, non ha opere d'arte di grande rilievo, tuttavia un giro per le vie e le piazze porta a scoprire una città viva e animata.
Sulla Piazza Rimembranza, centro della cittadina, si affacciano alcune belle costruzioni: da un lato il Palazzo Giunta, dall'altro il Palazzo Pandolfi e al centro il Monumento Bronzeo ai Caduti.
Nota curiosa sono il numero di palme, 46, che sono state piantate in piazza a ricordo di altrettanti eroi pozzallesi morti durante la prima guerra mondiale.



Altri palazzi si trovano lungo la strada principale, Via Vittorio Veneto, dove si trova il palazzo comunale e un bellissimo giardino pubblico.

 

Il Palazzo Comunale venne costruito nel 1926 ad opera del marchese Corrado Tedeschi: presenta una facciata scandita da tre ampie finestre e da un orologio in alto; ai fianchi due prospetti laterali chiudono ad "U" la facciata, rendendola più armoniosa.
Ai lati del comune si trova la Villa Comunale, o "I giardini Pubblici", con aiuole fiorite e vari tipi di alberi, tra cui ficus giganti, alberi esotici, palme ed oleandri, che offrono uno spettacolo verde che si specchia sull'azzurro del mare.
Quasi di fronte alla villa si trova il palazzo della Società marinara di Mutuo soccorso, la cui facciata è decorata da belle ed ampie finestre e da un'ancora fra due volute.
Nella zona di fronte al Comune, su un'alta scalinata, si erge la massiccia Chiesa Madre, dedicata alla Madonna del Rosario, dalla semplicissima facciata a due piani scanditi da una fascia centrale e da lesene con capitelli di ispirazione ionica.



Belle passeggiate si possono compiere lungo i giardini del lungomare, dove si erge un monumento a San Giovanni Battista, protettore dei marinai: questa è la zona del Raganzino, che prende il nome dalla spiaggia omonima e che prosegue fino al moderno porto ,dominato su uno sperone calcareo dal "Castello di Martino", una costruzione lasciata incompleta negli anni 30; in questa zona domina la moderna Chiesa di San Giovanni.




IL PORTO DI POZZALLO

A confine con il territorio modicano, a ridosso di Maganuco si trova il porto di Pozzallo, composto da due distinti blocchi: il primo, chiamato "porto piccolo" funzionale alla navigazione da diporto, il secondo "porto grande" rappresenta un importante scalo merci per la zona. All'interno del piazzale del porto piccolo si trovano le strutture della Capitaneria di Porto di Pozzallo sotto la cui giurisdizione sono circa 100Km di costa, i Carabinieri e la Guardia di Finanza. Sono presenti diversi pontili con disponibilità di qualche centinaio di posti barca. Sono garantiti tutti i servizi quali rifornimento acqua potabile, carburante, smaltimento oli esausti ed assistenza tecnica. L'Accesso al porto grande è vincolato al passaggio dalla Dogana: all'interno una importante area stoccaggio container. Più imprese portuali gestiscono il carico/scarico delle merci, la pesatura ed ogni tipo di assistenza. Giornalieri i collegamenti passeggeri (con o senza auto e mezzi al seguito) per la vicina Malta, raggiungibile in appena 90 minuti di navigazione.



I primi dati che riportano ad una presenza istituzionale marittima a Pozzallo risalgono al 1935, data dalla quale si hanno riscontri di esazioni erariali marittime recanti il timbro del Regio Ufficio Marittimo di Pozzallo. Dal 1935 l'incremento di traffico fu costantemente in aumento e, data anche la rilevanza strategica del Porto di Pozzallo, nel 1992 venne istituito l'Ufficio Circondariale Marittimo di Pozzallo. Tale istituzione si rese necessaria anche in vista del costruendo porto commerciale. Nel 1996 tale ufficio, diventato importante nell'isola, fu autorizzato alla tenuta delle matricole della gente di mare, privilegio concesso allora solo all'Ufficio Circondariale Marittimo di Porto Santo Stefano. Lo sviluppo turistico, commerciale, la nautica da diporto, la pesca ed in generale una maggiore industrializzazione ed esportazione hanno portato all'istituzione della Capitaneria di Porto di Pozzallo con decreto del Presidente della Repubblica il 20 agosto 2001 (n. 365), sotto la cui giurisdizione sono oltre 100Km di coste, dalla Foce del Dirillo al Pantano Longarini.






Parte del
materiale presente in questa pagina
è tratto dal
libro





di MARCO E GIUSEPPE IACONO
Ed. Tomaselli 2005
Per informazioni:
SITO WEB:
www.guideiacono.it
emails:
edizionitomaselli@tin.it
edizionienjoy@libero.it
info@guideiacono.it

TELEFONO:
0932 245836

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu